IL DERBY CON IL PORTOGRUARO FINISCE IN PAREGGIO: 1 A 1 A LA SALUTE

CITTA’ DI CAORLE-LA SALUTE – PORTOGRUARO 1-1

Città di Caorle-La Salute (4-3-1-2): Bavena, Cester, Levada (35’ st Gusso), Lima, Dei Rossi, Malerba (20’ st Teso), Giordano (20’ st Comin), Cadamuro, De Freitas (40’ st Cagiano), Casagrande (35’ st Ferri), Pedrozo. A disp. Tamai, Bincoletto. All. Vladimiro Carraro.

Portogruaro (4-3-3): Fovero, Fabbroni, Seferovski, D’Imporzano, Battiston, Bortoluzzi, Cervesato (32’ st Carniello), Favret, Della Bianca, Costa (9’ Tonon), Pavan (29’ st Tonon). A disp. Verri, Mussin, Lenisa, Favero, Fiorin, De Cecco, Rizk. All. Giuseppe Vittore.

Reti: st 18’ Cervesato, 38’ Gusso.

Arbitro: Carrisi di Padova (Callovi di S. Donà e Sacco di Treviso).

Note: ammoniti Della Bianca, Ferri. Angoli 3-5. Recuperi pt 1’, st 5’. Spettatori 280 circa.

La Salute di Livenza. Il derby tra Città di Caorle-La Salute e Portogruaro finisce senza vincitori né vinti: 1 a 1 il verdetto del Veronese. Nel complesso è stata una partita molto maschia, pur senza brutti falli ma molto combattuta dalle due formazioni a discapito dello spettacolo che è stato veramente poco. Sul piano del gioco noi rispetto al Porto, ottima la partita di Lima, ma il risultato è comunque sostanzialmente giusto. Per quanto riguarda la classifica restiamo nel mezzo. 

In campo in completo biancoblu, i nostri si schierano con un 4-3-1-2 in partenza che però spesso e volentieri si trasforma in un 4-2-1-3: Giordano e Pedrozo giocano alti sulle fasce, Casagrande fa da rifinitore dietro a De Freitas. Consueta divisa granata per i granata in campo con il 4-3-3, dal primo minuto giocano Favret e D’Imporzano a metà campo. Partono forte i nostri pericolosi già al 5’ quando il colpo di testa di Lima diventa un lancio per Pedrozo che incrocia il mancino, sfiorando il palo. Risponde subito il Portogruaro: al 9’ Della Bianca allarga per Cervesato, cross basso in mezzo per Pavan anticipato da Cester che spazza in corner. Al 15’ nitida palla gol per il Porto: su un lancio lungo errore Malerba che cicca la palla, Della Bianca vedendo Bavena fuori dai pali prova un pallonetto che si perde di un nulla sul fondo. Dopo un avvio scoppiettante con il passare dei minuti le due squadre diventano molto guardinghe, affidandosi a lanci lunghi che diventano però facile preda dei due portieri. Non succede praticamente nulla fino al finale di frazione: al 43’ Pedrozo riesce ad andare via con un numero a Bortoluzzi, calcia con il sinistro in area colpendo però la schiena di Battiston.

Dopo l’intervallo parte con un buon piglio la nostra formazione: al 1’ punizione di Casagrande dall’out sinistro, Fovero si allunga e mette in angolo. La risposta ospite al 4’: Della bianca spizza per Pavan che tira da 15 metri, decisa la deviazione in angolo di Levada. Al 6’ invece ci prova Pedrozo ma la mira non è delle migliori, al 7’ Casagrande batte direttamente in porta dalla bandiera, Fovero è attento. Il Portogruaro si fa vedere al 15’ con Cervesato che crossa per Della Bianca, la cui zuccata finisce fuori. Al 18’ arriva il vantaggio dei granata sugli sviluppi di un corner, grazie a Cervesato che di testa ribadisce in rete una corte respinta della difesa. Il tecnico di casa Carraro prova a scuotere i suoi facendo entrare Comin e Teso ma l’occasione ghiotta è per il Porto: al 31’ rinvio lungo di Fovero, Della Bianca spizza per Tonon che si ritrova a tu per tu per tu con Bavena ma tira debolmente addosso al portiere. Al 35’ invece un tiro-cross di Favret non toccato da nessuno finisce fuori di pochissimo. Al 38’ arriva il meritato pareggio: cambio di campo per De Freitas che salta il terzino, arriva sul fondo dove mette in mezzo un cross forte respinto da Fovero, Gusso da due metri non può sbagliare e fa 1 a 1. Molto rovente il finale: al 43’ gomito alto di Della Bianca su Teso, l’arbitro estrae solo il giallo. La partita in pratica finisce qui.